Casa ecologica ed ecosostenibile

Monica

Che cosa è una casa ecologia ed ecosostenibile? Quali materiali usare? Ecco spiegato come fare per costruire un’abitazione ecologica e quali sono i prezzi.

Casa ecologica ed ecosostenibile

In questi ultimi decenni, vedendo come il nostro pianeta purtroppo sta cambiando a causa di scelte davvero sbagliate da parte degli uomini, ci si avvicina sempre più all’ecologia. Si cerca in ogni ambito della nostra vita quotidiana di ridurre al minimo l’impatto sull’ambiente.

Ma guardando più da vicino, cosa si intende per casa ecologica?

In primo luogo una casa ecologica deve assolutamente permettere di consumare meno energia rispetto ad una casa tradizionale, questo sarà sicuramente dovuto ai materiali con cui si costruisce una casa e come questi siano in grado di isolare l’ambiente interno, da quello esterno.

Quindi più la casa è correttamente isolata, meno avrà bisogno di ricorrere al riscaldamento, perché sarà in grado di trattenere una giusta temperatura interna. Una casa ecologica ha come ulteriore caratteristica quella di utilizzare energie rinnovabili, ossia più in specifico, la capacità di auto produzione di energia, ad esempio attraverso impianti a pannelli fotovoltaici o con collettori termici.

Quando si parla di costruire una casa, così detta “Green”, si parla di bio edilizia e di utilizzo di tecniche verdi.

Come costruire una casa ecologica

Una casa ecologica, oltre ad avere un impatto minore sull’ambiente, sarà in grado di migliorare la nostra vita in ogni aspetto, anche quello economico. Molte aziende si stanno formando e attrezzando sempre più per fronteggiare e soddisfare i propri clienti nella costruzione di case nuove ecologiche. Lo si può fare in molti modi.

Quello sicuramente più veloce e vantaggioso è quello di contattare aziende specializzate, i quali producono prefabbricati appunto ecologici. Dopo aver scelto il vostro terreno, gli esperti tra ingegneri ed architetti realizzano ad hoc un progetto della vostra casa ideale.

Ovviamente potrete decidere di farvi costruire una casa nel modo tradizionale, con ad esempio i mattoni, ma ciò che cambia saranno sicuramente i materiali usati per renderli più ecologici. Sarà necessario inoltre, qualunque sia il modo in cui vorrete farvi costruire la casa, scegliere tra i numerosi materiali a basso impatto sull’ambiente, necessari per l’isolamento.

Perché per avere una casa che permette di risparmiare sull’energia ma soprattutto di vivere meglio, dovrà essere isolata correttamente. Lo si potrà fare con il così detto “ Cappotto” interno ed esterno con materiali altamente isolanti e soprattutto ecologici.

I materiali di una casa ecologica

Passiamo a descrivere più dettagliatamente ciò che è stato anticipato precedentemente. Ci inoltriamo nel discorso di costruzione di una nuova casa e dei suoi materiali.

Prima di scegliere un’azienda specializzata che ci aiuterà nella realizzazione di una casa di nuova costruzione ecologica ed ecosostenibile, dovremmo informarci come e quali materiali verranno usati per costruire la nostra abitazione. L’azienda dovrà prediligere materiali certificati Fsc o Pefc. Per la maggiore, la scelta cadrebbe sulla costruzione di una casa in legno.

Il legno possiede un’alta inerzia termica, la quale agisce positivamente sulla qualità dell’aria interna e sul benessere generale di tutti i componenti della famiglia. Questo materiale non rilascia emissioni e polveri nocive, proprio perché prima di essere tagliato e riutilizzato, necessitava solo di aria, acqua e sole per crescere, quindi si tratta di un materiale puro. Il legno inoltre è flessibile, perciò anche antisismico. Possiede anche proprietà di assorbimento acustico ed è un materiale molto resistente, nonostante si possa pensare il contrario, anche contro incedi e venti forti.

Oltre a questo ottimo materiale, sarà necessario scegliere tra materiali ecologici per l’isolamento, potrete decidere tra la lana di roccia, il sughero, la canapa, e ovviamente sostituire il cemento, poco ecologico, con calce o argilla naturale.

Esistono però aziende che sono specializzate in prefabbricati, ad esempio con strutture in lamiera, poi successivamente rivestite con pannelli di legno. Ma come già anticipato in precedenza, esistono metodi tradizionali per costruire una casa ecologica, mediante l’utilizzo di mattoni, realizzati con argilla naturale e sabbia. Questa tecnica renderà molto resistente e forte la vostra casa.

Oltre a ciò sarà necessario scegliere gli infissi ideali, i quali potranno essere realizzati in PVC, ossia plastica rinforzata ma riciclata, oppure in legno. Il telaio dovrà possedere elevate prestazioni termiche ed acustiche, per non far disperdere il calore dall’interno verso l’esterno e per garantire in insonorizzazione ottima. Per le rifiniture la scelta dei materiali è molto ampia.

Per quanto riguarda i rivestimenti interni di una casa, si può scegliere tra dei materiali più economici, come il Gres Porcellanato, o il semplice cotto. Chi invece ama l’eleganza e la preziosità potrà scegliere tra le numerose pietre naturali presenti in natura: come il marmo, il granito o il quarzo, i quali sono davvero resistenti nel tempo e possono essere riutilizzati.

Ma le aziende ad alta professionalità consigliano per il pavimento il parquet in legno ad incastro senza colla, perché permette di avere un pavimento con alta prestazione termica, quindi non si disperderà il calore, oltre ad essere molto bello.

Fonti rinnovabili per una casa ecocompatibile

Quando si decide di costruire una casa interamente ecologica lo si fa anche per un tornaconto economico e per l’aspetto di ecosostenibilità.

La vostra casa dovrà essere in grado di sostenersi, in termini di energia, da sola. In primo luogo la vostra scelta dovrà cadere su pannelli solari fotovoltaici. Un impianto del genere è abbastanza costoso, nonostante i prezzi si stiano abbassando rispetto agli anni passati, ma sarà una spesa giustificata se si guarda dal punto di vista del tempo.

Risparmierete sicuramente sulle bollette dell’energia elettrica, sfruttando al massimo l’energia solare. Ciò che rende l’impianto fotovoltaico davvero invitante è la capacità di accumulare l’energia, attraverso appunto degli accumulatori. L’energia che viene assimilata di giorno, verrà pertanto accumulata in queste batterie e potrà essere utilizzata durante le ore notturne, oppure addirittura durante le giornate uggiose.

Gli accumulatori permettono pertanto di ridurre l’acquisto di energia elettrica da compagnie energetiche e quindi permette di risparmiare in modo significativo. Questo vorrebbe dire rendere le proprie bollette quasi del tutto gratuite. Gli impianti a pannelli fotovoltaici sono in continua innovazione, si può decidere di accoppiarli con il solare termico, che sarà in grado di fornirvi acqua calda per il vostro uso domestico.

L’installazione di questi impianti, vi faranno abbandonare definitivamente quello tradizionale a gas, utilizzato per cucinare, per l’acqua calda sanitaria e per il riscaldamento interno della casa. Potrete acquistare tutti gli elettrodomestici in classe energetica almeno in A e affidarvi ad un impianto di riscaldamento con pompe di calore e per quanto riguarda la cucina ad un piano di cottura ad induzione.

In rete troverete numerose aziende e compagnie in grado di vendere e installare pannelli fotovoltaici di ottima qualità, garantendovi assistenza continua e garanzie lunghissime, in caso di danni. Un aspetto da non sottovalutare, sono gli incentivi statali, in caso di installazione. Potrete detrarre la spesa per l’acquisto e realizzazione al 50 % per quanto riguarda l’impianto di pannelli fotovoltaici, al 65% per quanto riguarda l’impianto per la produzione di acqua calda sanitaria.

Quanto costa costruire una casa ecologica

Passando invece ai costi, possiamo dire che si pensa che le case ecologiche di nuova costruzione siano meno costose rispetto alla costruzione di case tradizionali. In realtà siamo più o meno sulla stessa cifra, l’unica differenza sta nel risparmio di energia a lungo termine e sul benessere generale all’interno delle mura domestiche. Costruire una casa nuova completamente ecologica e soprattutto ecosostenibile, vuol dire anticipare, ad esempio, il costo dei pannelli fotovoltaici e di alcuni materiali più costosi, rispetto a quelli meno green. In totale una casa ecologica costa dai 1500 ai 2500€ al metro quadro. Il prezzo ovviamente varia in base alle rifiniture che si sceglieranno e alla grandezza della casa. Non dovrete disperare, perché ciò che attira maggiormente oggi le persone, per quanto riguarda la costruzione della propria casa in termini di ecologia ed eco sostenibilità, è sicuramente un buon incentivo statale, il risparmio sulle bollette e per ultimo ma non per importanza il benessere nostro e di tutto il nostro pianeta.

LASCIA UN COMMENTO »